Home > Un giorno di straordinaria follia

Un giorno di straordinaria follia

Un giorno di straordinaria follia

È meglio che lasciamo perdere. Io cerco soltanto di arrivare a casa per la festa di mia figlia, e se nessuno si metterà sulla mia strada, nessuno si farà del male. Bambino [Vedendo Foster con un lanciarazzi]: Questo film che state girando come si chiama? Avviso di distruzione. Ti piace? Stivaletti da escursione! Questi sarebbero il meglio del meglio; scientificamente concepiti e vaccate del genere, garantiti dai cazzoni della protezione ambientale.

Non fanno un graffio a uno scoiattolo neanche se riesci a mettergli un piede sulla testa, personalmente penso che sono adatti per debosciati e froci! Questi, invece, sono stivaletti per la giungla vietnamita, questi costano la metà e durano il doppio Naturalmente dopo devi staccarti la merda dalle suole e dai tacchi ma sappi che il gioco vale la candela, ho torto o ragione? Vado a casa! Siamo uguali! Non lo capisci? Noi due non siamo affatto uguali! Io sono americano e lei è un maniaco stronzo! Ma che razza di giustiziere sei tu? Non sono io il ladro. Non sono io che chiedo 85 cents per una coca-cola, sei tu il ladro!

Io sto solo difendendo i miei diritti di consumatore, e riporto i prezzi al Nei denti la valigetta, nei denti! Dio benedica chi si ammazza di fatica! Un giorno di ordinaria follia: La tua opinione è importante per noi e per tutti! I vostri commenti. Un giorno di ordinaria follia è un film di genere drammatico, thriller, poliziesco del , diretto da Joel Schumacher, con Michael Douglas e Robert Duvall. Durata minuti. Los Angeles, estate Nel caldo torrido della metropoli, Bill Foster rimane imbottigliato con la sua auto nel mezzo di un tremendo ingorgo. La sua violenza repressa si manifesta improvvisamente quando, sceso dalla macchina, la chiude e decide di tornarsene a casa con una "passeggiata" di quaranta chilometri.

Michael Douglas riveste i panni di D-Fense, un anonimo cittadino il cui equilibrio psichico si è spezzato. Al Box Office Usa Un giorno di ordinaria follia ha incassato 36 milioni di dollari. Il suo viaggio all'interno della metropoli per raggiungere la moglie che vuole uccidere sarà una continua caduta vedi il titolo originale verso il fondo di un abisso interiore. Los Angeles, estate , caldo torrido. Bill rimane bloccato con l'auto in un ingorgo, scende, la chiude e "va a casa" con una passeggiata di quaranta chilometri che si trasforma in un'odissea violenta.

A quella di Bill fa da riscontro la vicenda parallela di un poliziotto al suo ultimo giorno di servizio. È lui che intuisce l'itinerario di sangue e violenza che Bill traccia attraverso la città. Tirato come un cavo ad alta tensione, attraversato da lampi di umorismo sull'assurdità della vita metropolitana, sapientemente giocato sui binari delle due azioni parallele, il film ha una prima parte quasi perfetta e un finale rassicurante con qualche caduta nella parte centrale.

La domanda che viene da farsi, è: Bill è fondamentalmente un giusto, non travisa la realtà. Un impiegato in giacca e cravatta aspetta in macchina in una strada molto intasata che il traffico inizi a scorrere un po'. Fuori fa caldo e si comincia a perdere la pazienza, una scena che si ripete spesso anche in Italia quando si va al lavoro in una grande città oppure quando si va in vacanza in massa. Il nostro impiegato allora cosa decide? Va a casa a piedi. L'amore puro è quello che hai per i figli. Puoi perdere il lavoro la moglie la testa Perderlo per mano di una moglie una delle tante troppe che quando si separano ti vogliono mutilare totalmente è pura follia. Fa caldo, nessuna macchina sembra poter avanzare e qualche meccanismo nella testa del nostro pover uomo si inceppa.

Non ce la fa più e abbandona la macchina andandosene a piedi. Man mano che la storia prosegue siamo proiettati non soltanto nella sua mente ma [ Il mondo, probabilmente, si divide in oppressi ed oppressori. Quella di William Foster Michael Douglas è la dimensione pubblica della tragedia: William D Foster Michael Douglas , afflitto dal divorzio e da un lavoro non appagante decide di andare a casa per il compleanno della piccola figlia, ma reagirà violentemente a chiunque gli sbarri la strada. Contemporaneamente l'ispettore Prendergast Robert Duvall nel giorno di pensionamento si ritrova a dover fermare Foster.

Un uomo rimane bloccato nel traffico mentre si dirige dalla propria figlia, improvvisamente scende e continua il percorso a piedi. In preda alla sua crisi nervosa comincia ad avere un comportamento violento e incontrollabile. Alla fine verrà ucciso da un poliziotto in un duello come nei far west. Ma in realtà il protagonista aveva una pistola giocattolo da sfoderare, si lascia uccidere. La pellicola di Schumacher sottolinea, anzitutto, i problemi tipici della metropoli: Los Angeles.

Un uomo abbandona la sua macchina in mezzo altraffico infuocato della città e, in preda a un crollo psicotico, inizia un folle percorso per arrivare a casa della moglie. A dargli la caccia un detective della polizia al suo ultimo giorno di servizio. Joel Schumacher in un film adrenalinico, drammatico ma con qualche venatura ironica, traccia il ritratto di un uomo anonimo come tanti [ Solo che mentre il primo pare fin troppo passivo e paziente, il secondo arriva al suo punto di non ritorno fino a diventare un potenziale pericolo pubblico.

Non mi piacciono molti i film di Joel Schumacher, ma questo in particolare mi ha colpito parecchio. Una storia geniale, che alterna violenza psicologica a momenti di pura pazzia, man nasconde significati molto fondamentali e profondi. Bill Forster rappresenta l'alter ego di ognuno di noi, la rabbia che si scatena e che distrugge tutto quello che ha intorno, ma con assoluta intelligenza: Un film con tanti spunti, dalla violenza fisica a quella psicologica delle pubblicità,dei luoghi comuni sulle persone, ai luoghi comuni sull' economia e la politica. Dalle facili critiche alla società al tentativo di riscatto umano del cattivo di turno un ottimo Michael Douglas che senza lavoro, il divorzio recente, si perde nella violenza in maniera ineluttabile.

Toggle navigation Sezioni. Aforismi Frasi famose Film Un giorno di ordinaria follia. Frasi del film Nel nostro database ci sono 11 frasi relative al film Un giorno di ordinaria follia. Leggile tutte. Frasi di Un giorno di ordinaria follia. Questo film su. Poster e locandina del film Un giorno di ordinaria follia. Robert Duvall. Michael Douglas. I vostri commenti. Commento a una frase di Antoine de Saint-Exupéry. Commento a una frase di Johann Wolfgang Goethe. Commento a una citazione di Oscar Wilde. Commento a un dialogo dal film. Commento a una frase di Fabio Volo.

Condividi una bella frase. In evidenza. Temi Storie con morale Frasi sull'estinzione In epoca moderna sono tante, purtroppo, le specie animali e vegetali a rischio di estinzione. Oroscopo aprile Aforismi Meglio. Seguimi su Pinterest. Segui la bacheca Le frasi più belle dei film di Stefano Moraschini su Pinterest. E-mail OK.

Un giorno di ordinaria follia - Film ()

Un giorno di ordinaria follia è un film di genere drammatico, thriller, poliziesco del , diretto da Joel Schumacher, con Michael Douglas e Robert Duvall. Esplora la bacheca "Un giorno di ordinaria follia.." di Marco su Pinterest. | Visualizza altre idee su Fall away, Falling down e Film. Un giorno di ordinaria follia (Falling down) - Un film di Joel Schumacher. Viaggio allucinato all'interno della metropoli losangelina. Con Barbara Hershey, Robert. Elenco frasi del film Un giorno di ordinaria follia; 11 citazioni presenti; immagine di Un giorno di ordinaria follia. Tutte le frasi famose del film Un giorno di. Un giorno di ordinaria follia è un film di Joel Schumacher del con Michael Douglas nel ruolo di William "Bill" Foster / "D-Fens", Robert Duvall nel ruolo di. da Joel Schumacher e con una straordinaria interpretazione di Michael Douglas. Un giorno di ordinaria follia è ambientato a Los Angeles. Un giorno di ordinaria follia, film del con Michael Douglas e Robert Duvall, regia di Le avventure di un uomo comune in guerra con la realtà quotidiana.

Toplists